mercoledì 13 ottobre 2021

Forex: Euro Index ancora in cerca di un valido supporto

Prosegue la discesa dell’Euro Index (paniere di mia creazione) che testa nuovamente, per la terza settimana consecutiva, una Gann Line che si era già dimostrata molto valida dalla metà dello scorso mese di giugno alla metà del successivo mese di agosto.

Da segnalare che il benchmark proviene già da ben cinque settimane con il segno rosso e che quella entrante, ma mai vendere tuttavia la pelle dell’orso prima di averlo …, potrebbe rappresentare la sesta con il segno meno.

L’Euro Index ha concluso storicamente solo in sei occasioni sei settimane consecutive in rosso, l’ultima nella primavera del 2018, ma non ha mai realizzato sette settimane consecutive con il segno meno. Attenzione.

Anche se una statistica effettuata su una base dati composta da pochi elementi è utile quanto uno stuzzicadenti quando piove (scusate, mi è venuta cosi…), ci avviciniamo probabilmente a una settimana rialzista entro la fine di questo mese.

I dati macro di questa settimana, vedi proprio oggi il Cpi Usa (previsto al 5.3% sba) o per esempio il Michigan di venerdì (previsto a 73.4), potrebbero contribuire a un rafforzamento della divisa europea, momentaneo o duraturo. Staremo a vedere.

Per il momento, la situazione puramente tecnica dell’Euro Index è quindi tuttora orientata verso il basso e non accenna a migliorare, ma cautela per quanto appena scritto.

Continua a leggere l’articolo su www.bluerating.com

A disposizione

Giovanni

lunedì 11 ottobre 2021

L’italianissima Enel a confronto.

In Italia, e forse in Europa, quando si parla di Utilities si parla certamente di Enel che rappresenta un vero e proprio punto di riferimento nel settore.

In molti momenti, Enel rappresenta un’ottima alternativa al Ftsemib, soprattutto nel medio periodo; vedi le relative performance a 3, 5 o 10 anni.

Tuttavia, l’americana NextEra Energy Inc., isin US65339F1012, non ha paura della concorrenza e vanta una performance a 10 anni, espressa in euro, del 575% rispetto al 100% di Enel e il 73% del Ftsemib.

Di seguito le relative strategie operative di breve periodo.

 

Continua a leggere l’articolo su www.traderlink.com

A disposizione

Giovanni

domenica 10 ottobre 2021

Azionario Informatica e Tecnologia sovraperforma da 7 anni.

Questa settimana ho scelto di soffermarmi sul comparto Azionario Settoriale - Informatica e Tecnologia Globale espresso in Dollari Usa.

In effetti, il settore ha reso molto in passato e continua a farlo e, pertanto, non può assolutamente mancare all’interno di un portafoglio ben diversificato.

Ho effettuato una selezione di asset con l’utilizzo dello Stocastico orizzontale e vi propongo un fondo che può rivelarsi molto utile in certe circostanze.

Ho preso in considerazione oltre 20 fondi espressi in Usd e con, come sempre, uno storico almeno decennale.

Sono nuovamente alla ricerca di qualche opportunità o di un asset che si è dimostrato storicamente molto affidabile secondo lo Stocastico orizzontale.

Per questa ragione devo obbligatoriamente omettere alcuni asset, ma la selezione è ovviamente obiettiva e prende in considerazione unicamente la data di inizio di quotazione del fondo e il settore di appartenenza. In alcuni casi, una fund house può essere più efficiente di altre in un comparto specifico, ma la professionalità è generalizzata a tutti gli attori del risparmio gestito.

Questa è l’unica certezza che abbiamo; la professionalità degli attori.


Il contesto.

Il Dollar Index ha guadagnato dall’inizio dell’anno il 4,59%, mentre il Dollaro Usd si è rafforzato del circa 5.5% nei confronti della moneta unica.

Il grafico accanto mostra il numero di anni consecutivi rialzisti o ribassisti del Dollar Index.

Invece, il settore azionario IT globale ha iniziato a sovraperformare l’indice azionario mondiale nel mese di settembre 2014 ed è indispensabile per tale motivo.

In fondo, se non si punta sull’innovazione…

 

Grafico fonte Bloomberg

 Continua a leggere l’articolo su www.lombardreport.com

A disposizione

Giovanni

mercoledì 6 ottobre 2021

Forex, l’Euro stenta a invertire la rotta

I movers del momento sono sempre gli stessi e principalmente: il tapering Usa, il rialzo delle commodity e l’inflazione, la terza dose di vaccini, le elezioni, e cosi via. Il fine settimana, invece, sarà interessato dalla pubblicazione dei dati sul lavoro negli Usa. I mercati finanziari sono costantemente “disturbati”, per non dire condizionati, da elementi esterni, e come potrebbe essere diversamente?

Tuttavia, per chi come me predilige l’utilizzo di algoritmi automatizzati, l’elemento “disturbatore” ha un’importanza, ovviamente, ma relativa in quanto i miei modelli mi propongono costantemente il da farsi.

Per il momento, la situazione puramente tecnica dell’Euro Index (paniere di mia creazione) è quindi orientata verso il basso e non accenna a migliorare.

Presento questa settimana il mio benchmark con le “solite” Gann Line e un sistema di conta weekly condizionato. Generalmente, il raggiungimento di 7 o 9 porta a una possibile inversione. La situazione appare, al momento, “tranquilla” sul fronte delle inversioni, mentre un’altra Gann è stata infranta al ribasso.

Continua a leggere l’articolo su www.bluerating.com

A disposizione

Giovanni

domenica 3 ottobre 2021

Un asset long/short per la diversificazione del portafoglio.

La strategia long/short equity può rivelarsi un’ottima soluzione per minimizzare il massimo drawdown e la volatilità e quindi, di conseguenza, per preservare il capitale investito.

Questa tipologia di gestione attiva, bottom up, è ormai più che affermata da anni e abbiamo a disposizione un’ampia scelta di fondi tra i quali scegliere quello più adatto alle proprie esigenze.

Ho effettuato una selezione di asset con l’utilizzo dello Stocastico orizzontale e vi propongo un fondo che può rivelarsi molto utile in certe circostanze.

Ho preso in considerazione oltre 40 fondi espressi in euro e con, come sempre, uno storico almeno decennale.

Sono nuovamente alla ricerca di qualche opportunità o di un asset che si è dimostrato storicamente molto affidabile secondo lo Stocastico orizzontale.

Per questa ragione devo obbligatoriamente omettere alcuni asset, ma la selezione è ovviamente obiettiva e prende in considerazione unicamente la data di inizio di quotazione del fondo e il settore di appartenenza. In alcuni casi, una fund house può essere più efficiente di altre in un comparto specifico, ma la professionalità è generalizzata a tutti gli attori del risparmio gestito.

Questa è l’unica certezza che abbiamo; la professionalità degli attori.


Il contesto.

La bacchetta magica non esiste e lo scrivo da anni, ma l’Universo ha in quanto modo rimediato offrendoci, a noi comuni essere umani, la diversificazione.

Ci sono “n” modi per diversificare un portafoglio e uno dei quali potrebbe essere quello di utilizzare, in certe circostanze e con la dovuta misura, asset non perfettamente correlati con il benchmark e, per esempio, con greche (Raw Beta, Alpha e R^2 ) con dei valori non del tutto convenzionali.

Ci vuole di tutto per fare un Mondo; cosi diceva un anziano che conoscevo bene.

L’importante è conoscere gli strumenti a disposizione e utilizzarli all’occorrenza.

Il grafico accanto mostra il confronto a 5 anni tra il fondo odierno (vedi il prossimo paragrafo) e il Bloomberg Equity Long/Short Hedge Fund Index (BHEQLS Index) espresso in euro. So bene che non è il benchmark dell’asset in questione (vedi MSCI World NR), ma è il metro di confronto che ho scelto oggi.

Oggi presento un asset, alternativo, che si è dimostrato storicamente interessante.

 Grafico fonte Bloomberg
 
 

mercoledì 29 settembre 2021

Forex: sull’Euro la debolezza prende il sopravvento

Lo scorso weekend è stato interessato da qualche cambiamento significativo ricordandoci, come se ce ne fosse bisogno, che nulla è per sempre. In Germania, le elezioni federali hanno decretato il sorpasso dei Socialdemocratici sulla Cdu, mentre a San Marino un referendum sull’aborto (diventato legale) ha “annullato” una legge di oltre 150 anni fa allineando la legislazione agli standard italiani.

Ieri, invece, l’azionario internazionale ha accusato una seduta a dire poco rossa “scuro”, mentre le criptovalute non hanno fatto una bella figura dall’inizio della settimana, allorché i bond cercano di limitare i danni.

L’Euro Index invece (paniere di mia creazione) indietreggia già da tre settimane e il movimento delle ultime due sedute è sotto il segno dell’incertezza.

Inoltre, il benchmark sta per raggiungere delle Gann line di supporto che offriranno presto nuovi spunti operativi, come avvenuto all’inizio del mese. Anche la pendenza (vedi in verde) tende a ripiegare evidenziando un peggioramento della tendenza trimestrale (13 settimane).

Usd/Nok

Continua a leggere l’articolo su www.bluerating.com

A disposizione

Giovanni

domenica 26 settembre 2021

L’azionario cinese inizia a offrire qualche opportunità.

La Cina non ha bisogno di presentazione ed è un argomento trattato quotidianamente sui principali mezzi di informazione e nei vari uffici studi; e come potrebbe essere diversamente.

In questo momento particolare, si parla molto del settore immobiliare cinese messo in difficoltà dal colosso Evergrande.

Le ripercussioni sul comparto azionario sono evidenti.

Oggi non tratterà il settore immobiliare, mentre mi soffermerò sull’azionario cinese per un breve focus sulla situazione attuale e, ovviamente, alla ricerca di un asset che soddisfi alcuni requisiti da me prefissati.

Anche in questa occasione vi presenterò uno degli asset che ritengo interessanti.

Ho preso in considerazione una ventina di fondi espressi in euro e con, come sempre, uno storico almeno decennale.

Sono nuovamente alla ricerca di qualche opportunità o di un asset che si è dimostrato storicamente molto affidabile secondo lo Stocastico orizzontale.

Per questa ragione devo obbligatoriamente omettere alcuni asset, ma la selezione è ovviamente obiettiva e prende in considerazione unicamente la data di inizio di quotazione del fondo e il settore di appartenenza. In alcuni casi, una fund house può essere più efficiente di altre in un comparto specifico, ma la professionalità è generalizzata a tutti gli attori del risparmio gestito.

Questa è l’unica certezza che abbiamo; la professionalità degli attori.

 

Il contesto.

Il grafico mostra il confronto tra gli indici Msci globale e Msci Cina espressi di euro e osserviamo chiaramente che il 2008 ha segnato la fine di un’era e l’inizio di una nuova fase per il mercato asiatico.

Da qualche settimana a questa parte, invece, praticamente dallo scorso mese di febbraio, la forza dell’indice cinese diminuisce e il relativo ratio tende a raggiungere i massimi realizzati durante il mese di ottobre 2008.

Ne vedremo forse delle belle…, ma ci troviamo potenzialmente, più che probabilmente, di fronte a un bivio.

Per il momento lo scenario complessivo non sembra compromesso, anche i grandi campioni hanno momenti di debolezza, ma il comparto dovrà essere in grado di reagire prontamente per non deludere le aspettative degli investitori.

Di certo, l’indice Msci Cina eur (MECN Index) ha perso molto dal massimo storico di 730.36 (vedi il 17 febbraio) al recente 510.11, ma questa correzione di poco più del 30% potrebbe costituire un’opportunità di intervento, ovviamente in un’ottica di asset allocation diversificata, e con una size adeguata all’allocazione strategica.

L’obiettivo non è scommettere, ma eventualmente sfruttare una fase di difficoltà del comparto, se ipotizziamo che sia momentanea, in un’ottica di medio/lungo periodo.

Oggi presento un asset che si è dimostrato storicamente interessante.

Continua a leggere l’articolo su www.lombardreport.com

A disposizione

Giovanni

mercoledì 22 settembre 2021

Il dollaro in cerca di una conferma.

Situazione generale:

Ieri, la versione sintetica dell’OECD Economic Outlook pubblicata online (https://www.oecd.org/economic-outlook/) iniziava sotto il segno dell’ottimismo con “The global economic recovery remains strong,…”, anche se la ripresa rimane disomogenea.

In questo contesto in via di miglioramento, anche se non privo di ostacoli, l’Euro Index rimane in uno scenario ancora “tendenzialmente laterale” anche se tende a indebolirsi.

Tuttavia, la fase di relativa “attesa”, in essere da qualche settimana, potrebbe concludersi a breve visto che, proprio oggi, la Fed dovrebbe illuminarci in relazione al tapering, e non solo.

Poiché in questo Mondo l’incertezza non può mancare, la cinese Evergrande contribuisce ad alleviare la sana monotonia con un aumento di rischiosità sui mercati finanziari internazionali, anche se, al momento, la cosa appare relativamente contenuta.

Torniamo alle cose serie; ossia l’analisi puramente tecnica.

L’euro index che ho ideato, ricordo che è correlato al 93% con quello “ufficiale” e che utilizza dei pesi leggermente diversi, consolida dall’inizio dello scorso mese di luglio anche se ha accusato un doppio massimo discendente.

Questa settimana presento il mio benchmark su un grafico settimanale, con le mie solite Gann Line (cavallo che vince non si cambia) e la pendenza della regressione lineare a 13 settimane; praticamente trimestrale. L’attuale candela settimanale deve ancore essere completata e, pertanto, il segnale è ancora parziale. Indubbia, in ogni caso, la validità dello studio della pendenza.

Come di consueto, vado curiosare tra gli elementi che compongono il mio Euro Index alla ricerca di eventuali spunti. 


Continua a leggere l’articolo su www.bluerating.com

A disposizione

Giovanni

domenica 19 settembre 2021

Mercoledì, la Fed potrebbe movimentare il Dollaro.

Il biglietto verde è sotto pressioni in questo momento per una lunga serie di motivi che non sto tuttavia a elencare in quanto se ne parla quotidianamente, fino allo stremo, in modo particolare da qualche settimana. Ma è giusto così….

In effetti, l’Euro ha realizzato di recente un doppio massimo relativo nelle immediate vicinanze di 1.191 nei confronti del dollaro per poi indietreggiare parzialmente, mentre il Dollar index rimbalza a seguito di un doppio minimo in area 90/89 e tenta di riportarsi, definitivamente, al di sopra di 93.5/94.0

Inoltre, l’ultimo dato preliminare dell’University of Michigan Consumer Sentiment Index (CONSSENT Index) relativo al mese di settembre è stato inferiore alle stime ciò che ha favorito un immediato rafforzamento del dollaro.

Di seguito, il grafico mostra il rapporto tra il Dollar Index e il CONSSENT Index, nonché un calo della correlazione dopo il recente test di +0.60.


 

Ci sono molto attori all’opera che possono influenzare il Dollaro Usa e, oggi, proporrò un asset espresso in tale valuta in un’ottica di rafforzamento della stessa.

...

Oggi presento anche il fondo insieme all’indice Bloomberg US Treasury Total Return Unhedged USD Index su un grafico normalizzato, dove ho inserito il rapporto (composit) tra l’indice e il fondo HSBC (ovviamente non normalizzato).

La semplice osservazione del composit mostra delle tendenze favorevoli al fondo (alcune evidenziate negli ovali) che emergono “senza troppi sforzi”…


 ...

Continua a leggere l’articolo su www.lombardreport.com

A disposizione

Giovanni

mercoledì 15 settembre 2021

Forex: l’Euro temporeggia in attesa della Fed

L’Euro Index (paniere di mia creazione) si è indebolito durante la scorsa ottava, mentre si è “momentaneamente” rafforzato ieri martedì, specie nei confronti del dollaro Usa, a seguito dell’uscita dei dati sul Cpi inferiori alle attese. Vedi anche l’immediata reazione positiva dei bond.

Ritornando alla pura analisi tecnica, la situazione di breve è tuttora neutrale per il momento, mentre osserviamo un movimento tendenzialmente laterale del mio benchmark di riferimento.

L’analisi frattale, invece, con le solite Gann line in sottofondo, evidenzia una tendenza moderatamente ribassista (vedi le ultime candele in rosso, quelle blu sono rialzista). Come di consueto, vado curiosare tra gli elementi che compongono il “mio” Euro Index alla ricerca di eventuali spunti.


 

Trade opportunity

Riprendo oggi l’analisi pubblicata, ormai una vita fa, lo scorso 12 maggio relativa all’Usd/Jpy che potete ritrovare cliccando sul seguente link. Riporto per comodità la precedente strategia operativa.

“Short in caso di mancato superamento di 109.3/5 e sotto 108.20 con obiettivi rispettivi 108.5/2 e 106.60, poi 105.50 e 104.0/3.5. Long, tuttavia, sopra 109.50 con obiettivi 110.6/7 e 111.80, poi 113.20 e 114.8/5.6“.

 

Nel nostro caso, il mancato superamento…

Continua a leggere l’articolo su www.bluerating.com

A disposizione

Giovanni